GRANDE TRAGUARDO PER LA SCIENZA! DECIFRATA LA “STELE DI ROSETTA” DEL SISTEMA IMMUNITARIO. ORA NUOVI SCENARI PER LE CURE

Loading...

dating a princeton reverb GRANDE TRAGUARDO PER LA SCIENZA! DECIFRATA LA “STELE DI ROSETTA” DEL SISTEMA IMMUNITARIO. ORA NUOVI SCENARI PER LE CURE

Funziona come una Stele di Rosetta del sistema immunitario l’algoritmo che aiuta a capire il modo in cui l’organismo riconosce e combatte virus e batteri.

Sponsor

adalat oros 60 mg precio colombia La ricerca, coordinata dall’Ospedale di ricerca pediatrica St. Jude, a Memphis, e dal Centro di ricerca per il cancro Fred Hutchinson, di Seattle, aiuterà a sviluppare terapie più personalizzate per tumori e malattie infettive ed è stata pubblicata sulla rivista Nature.

sinequan bijsluiter 500mg Il sistema immunitario dipende dai recettori delle cellule T, presenti sulla superficie di queste cellule di difesa, che riconoscono e rispondono alle cellule infettate da virus, ai tumori e ad altre minacce.

amantadine cost Ogni persona può avere circa 100 milioni di recettori delle cellule T diversi, ognuno dei quali riesce a riconoscere uno specifico “nemico” allertando il sistema immunitario, e non esistono due persone con un corredo di recettori perfettamente uguale.

“Finora, questa straordinaria diversità ha frustrato gli sforzi per classificare i recettori e ciò ha ostacolato la nostra capacità di usare il sistema immunitario contro cellule tumorali e nuovi virus”, ha affermato Paul Thomas, dell’Ospedale St. Jude, che ha guidato lo studio insieme a Philip Bradley, del Centro Fred Hutchinson.

Adesso i ricercatori hanno a disposizione un algoritmo che identifica le caratteristiche principali dei recettori delle cellule T, scopre quali reagiscono alle stesse minacce e in che modo lo fanno.

Come la Stele di Rosetta, usata per decodificare i geroglifici, i ricercatori hanno addestrato l’algoritmo con più di 4.600 recettori, ottenuti da topi ed esseri umani infettati con diversi virus e l’hanno testata su tre topi con l’influenza: l’algoritmo è riuscito a prevedere con un’accuratezza del 90% come avrebbero risposto i recettori.

Facebook Comments
Loading...